nascita razzismo

Storicamente il primo a parlare di razze umane fu Linneo nel 1759, il quale divideva la specie umana in razze ,basandosi sul colore della pelle, morfologicamente e intellettualmente differenti. Egli individuò quattro razze principali:gli europei bianchi, gli asiatici gialli, gli indiani d’america rossi e gli africani neri. Ad ognuna di queste razze oltre al colore attribuì diverse caratteristiche morali. Questa è la premessa del razzismo che portò da lì in avanti a discriminazioni sociali e politiche. Successivamente si tentò di dividere la specie umana usando misure craniometriche, ovvero guardando le differenze dei crani provenienti da tutto il mondo. In un libro considerato scientifico del 1865 “Le razze indigene della terra” Robert Gliddon, c’è un disegno che riassume l’inganno ideologico che stiamo analizzando. In questa immagine vengono messi a confronto tre crani: quello della razza caucasica,cioè quella europea, quello di un nero e quello di uno scimpanzè.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: