Pubblicato da: nicofico | maggio 30, 2011

Martin Heidegger e il suo rapporto con il nazismo

Martin Heidegger è considerato il filosofo che rappresenta più di qualunque altro l’esistenzialismo europeo, anche se lui non si identificava in quel termine. Nacque e visse in Germania e la sua attività filosofica inizia contemporaneamente alla nascita del nazismo. Studiò a Parigi e a Friburgo ,dove nel 33 gli venne assegnata una cattedra all’università di Friburgo. Proprio in quell’anno, in cui salì al potere Adolf Hitler, Heidegger fece un discorso conosciuto come “Appello agli studenti tedeschi”, in cui dichiarò il suo consenso al nazismo.

Pubblicato da: nicofico | maggio 23, 2011

La nascita del razzismo

Storicamente il primo a parlare di razze umane fu Linneo nel 1759, il quale divideva la specie umana in razze ,basandosi sul colore della pelle, morfologicamente e intellettualmente differenti. Egli individuò quattro razze principali:gli europei bianchi, gli asiatici gialli, gli indiani d’america rossi e gli africani neri. Ad ognuna di queste razze oltre al colore attribuì diverse caratteristiche morali. Questa  è la premessa del razzismo che portò da lì in avanti a discriminazioni sociali e politiche.

Successivamente si tentò di dividere la specie umana usando misure craniometriche, ovvero guardando le differenze dei crani provenienti da tutto il mondo. In un libro considerato scientifico del 1865 “Le razze indigene della terra”  Robert Gliddon, c’è un disegno che riassume l’inganno ideologico che stiamo analizzando.

In questa immagine vengono messi a confronto tre crani: quello della razza caucasica,cioè quella europea, quello di un nero e quello di uno scimpanzè.

Pubblicato da: nicofico | maggio 9, 2011

Michael Jackson

Michael Jackson ha scritto una canzone che s’intitola “Black or White”. E’ una sorta di critica nei confronti dei razzisti e di quelli che lo giudicavano per il cambiamento del colore della sua pelle.  Nel testo della canzone è provocante nei confronti di queste persone, e difende l’idea che siamo tutti uguali nonostante il colore della pelle può essere scuro o chiaro. La frase chiave della canzone per me è “If you’re thinkin’ of being my brother
It don’t matter if you’re Black or white ” che vuol dire “Se stai pensando di essere mio fratello non importa se sei nero o bianco”.

Mentre la strofa che colpisce di più è questa:

“Protezione
Per gangs, club
E nazioni
Provocando dolore
Nelle relazioni umane
È una guerra di terreno
Su una scala globale
Preferirei sentire entrambe le parti
Della storia,
Vedi, non si tratta di razze
Soltanto posti
Facce
Dove proviene il tuo sangue
E’dove il tuo spazio è
Ho visto i brillanti
Diventare più sbiadini
Non passerò la mia vita
Ad essere un colore”

“Protection
For gangs, clubs
And nations
Causing grief in
Human relations
It’s a turf war
On a global scale
I’d rather hear both sides
Of the tale
See, it’s not about races
Just places
Faces
Where your blood
Comes from
Is where your space is
I’ve seen the bright
Get duller
I’m not going to spend
My life being a color”

Pubblicato da: nicofico | aprile 11, 2011

Primo Levi

Primo Levi è uno scrittore italiano ebreo  nato a Torino nel 1919.  Nel 1944 a causa delle leggi razziali contro gli ebrei  viene arrestato e deportato nel campo di transizione di Fossoli presso Carpi e successivamente nel campo di concentramento di  Buna-Monowitz e infine in quello di Aushwitz. Levi fu uno dei venti sopravvissuti fra  i 650 che erano arrivati con lui al campo.

La sua tragica esperienza nel lager lo porta a scrivere un libro nel 1946, “Se questo è un uomo”, dove racconta gli orrori subiti dallo spietato governo nazista.Per  lui scrivere  era come un dovere morale nei confronti di tutte le persone che devono assolutamente sapere a cosa arivva a fare un’uomo acciecato da un’ideologia sbagliata, quella nazista.

Pubblicato da: nicofico | aprile 11, 2011

Il Razzismo

L’argomento che voglio trattare nella mia tesina è il razzismo, in particolare quello nei confronto degli ebrei durante la seconda guerra mondiale.

Definizione di razzismo:

 Per razzismo si intende la convinzione che la specie umana sia suddivisa in razze biologicamente distinte e caratterizzate da diversi tratti somatici e diverse capacità intellettive, e la conseguente idea che sia possibile determinare una gerarchia secondo cui una particolare razza possa essere definita “superiore” o “inferiore” a un’altra.

Pubblicato da: nicofico | aprile 4, 2011

Il blog di nicofico

blog creato in collaborazione con il prof

Categorie